EN
Vai ai contenuti
PREMIATI

Albo delle 9 edizioni nazionali
e delle 3 edizioni toscane


LE EDIZIONI NAZIONALI DEL DECENNIO
                       

LE EDIZIONI TOSCANE
9° FESTIVAL DANTESCO
Roma   Teatro Palladium   aprile 2019
8° FESTIVAL DANTESCO
Roma   Teatro Morgagni   aprile 2018
7° FESTIVAL DANTESCO
Roma   Teatro Morgagni   aprile 2017
6° FESTIVAL DANTESCO
Roma   Teatro Arvalia   marzo 2016
5° FESTIVAL DANTESCO
Roma   Teatro Morgagni   gennaio 2015
4° FESTIVAL DANTESCO
Castelnuovo di Porto  Palazzo Ducale  dic 2013
3° FESTIVAL DANTESCO
Roma   Teatro Giordano Bruno   novembre 2012
2° FESTIVAL DANTESCO
Estate Romana  Fontanone Gianicolo giugno 2011
1° FESTIVAL DANTESCO
Roma   Teatro Ghione   giugno 2010

LE EDIZIONI TOSCANE

Torrita di Siena e poi, per due anni consecutivi, Cinigiano: le tre edizioni del Festival Dantesco Toscano (2016, 2017 e 2019) hanno trovato nella provincia di Grosseto il punto di partenza più fertile e il territorio più generoso nel finanziare l'iniziativa.

Al sostegno morale e al patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Siena e della Società Dante Alighieri di Siena si sono infatti uniti i finanziamenti dell'Accademia degli Oscuri, dell'IC Civitella Paganico, dei Comuni coinvolti, della Fondazione Torrita Cultura, di numerosi sponsor locali nonché le generosità dell'Associazione Culturale Melquiades Teatro Schabernak e della Compagnia Teatro Trabagai., come anche degli organi di stampa e comunicazione, in particolare il TG3 Regionale e la televisione TV9.

E poi le persone: due prestigiosi Presidenti di Giuria, Bianca Garavelli e Marco Rovelli, ma soprattutto la passione senza fine di Antonella Marenna, Leonardo Meini, Paola Perrone e Marta Temperini, del fotografo più brillante, presente e appassionato del Festival (incluse le edizioni nazionali), Stefano Pignotti, di giovani tecnici sorprendenti per professionalità e dedizione, Ovidio Stefanescu e Alessandro Pignotti, tutti coordinati dalla Direttrice artistica del Festival, Stefania Zanardo.



Le fotografie di Stefano Pignotti restituiscono l'intensità delle tre esperienze toscane. Nato come costola regionale dell'edizione nazionale, il Festival Dantesco Toscano è infatti divenuto già dalla prima edizione la punta più avanzata della ricerca e della sperimentazione performativa condotta dallo staff artistico e tecnico del Festival Dantesco nell'accompagnare giovani artisti lungo il loro dialogo scenico con l'opera dantesca.

Per il Festival Dantesco la sezione toscana costituisce il laboratorio più prezioso degli ultimi anni di attività, il modello che ha di fatto trainato anche l'edizione nazionale. Un modello per certi versi ineguagliabile: la possibilità di organizzare degli stage di perfezionamento con tutti i finalisti, qualche settimana prima della serata conclusiva, è ad esempio un privilegio preziosissimo possibile però solo su scala regionale, per motivi logistico-organizzativi che lo rendono incompatibile, o quasi, con la dimensione nazionale.

Non è perciò un caso se, in tutte e tre le edizioni, a ottenere l'ammissione diretta alla Finale Nazionale romana siano state non una (come da Regolamento), bensì due esibizioni della finale toscana. E non è un caso se le esibizioni toscane abbiano già ottenuto un , un e un 3° Premio assoluti in tre diverse edizioni nazionali, pur avendo i giovani artisti toscani peraltro un'età sensibilmente inferiore rispetto alla media dei finalisti.

Non a caso, in altre parole, tutto questo accade in Toscana, dove la musica del verso dantesco evidentemente ritrova davvero la sua casa.


Torna ai contenuti